T’aspettamo, Babbuccè

25
di Peppe er Greve

A Babbuccè, un sonetto così ardito
nu’ l’ho mai letto e guarda, so’ sincero:
dimostra un certo spirito gueriero;
ma quarche verzo è troppo imprezziosito.

Noi semo gradiatori, l’hai capito?
Gentaja co l’arena ner penziero,
gentaja che cià l’estro battajero,
che parla poco e in modo mai rudito.

Questa è ’na scerta, vada come vada;
percui, siconno la necessità,
lottamo co la penna e co la spada.

Tu viecce a trova e cerca de stà quieto,
che si ce segui imparerai a lottà
cor fero, co la penna e l’arfabbeto.