Difetti e pretese

103
di Viscardo Giraldi

Fatti li conti a modo, tutti quanti
ce n’hanno de difetti! Er milanese,
solo perché sta su, nun ce so’ santi:
se crede d’esse er capo der paese.

Si ce spostamo ancora un po’ più avanti,
in su a sinistra, ce sta er torinese
ch’avanta li saloni più sciarmanti
e crede d’esse più der milanese.

Si annamo giù, ce sta poi chi s’arieggia
ner dì che in lingua madre è ’n professore:
parla pulito, in fonno toscaneggia.

Si annamo un po’ più giù, er napoletano
sta a panza all’aria e canta: «Anema e còre»…
Viva la faccia mia che so’ romano!