Davanti ar mare

78
di Renzo Martini

Me ne sto a sede sopra ’no scojetto
a panza gnuda, co’ li piedi a mollo,
un fularde de seta intorno ar collo
e sopra la capoccia un cappelletto.

Me guardo er mare che me sta de petto
e, appiccicato come un francobollo,
rimango imbambolato come un pollo…
Tengo lo sguardo in estasi e rifretto.

Rifretto e penso: «Vale poi la pena
de scervellasse sempre tra un via-vai
de ’na vita che ’gni giorno t’avvelena?»

Qui davanti dimentico li guai,
me sento tutta l’anima serena;
vorei ch’er tempo nun passasse mai!