Conziji d’amico

77
di Massimo Marini

Purtroppo, caro Meo, fatte capace:
quanno la socetà è così corotta
nun ce so’ santi: er fìo de ‘na mignotta
camperà sempre immezzo a la bambace.

Mettete puro er còre in santa pace
e, damme retta a me, molla la lotta,
fa’ come quela gente che borbotta
e, quanno ardunque, abbozza e se compiace.

Co li mafiosi impara a nun dì gnente,
c’è poco da scherzà: chi arza la cresta
finisce pe inguajasse seriamente.

Si cerchi la giustizzia a ‘sto paese,
tocca che te lo metti bene in testa
che, si la trovi, hai da pagà le spese.