Chi ce sarverà!

258

Roma se sveja, immerza ner chiarore

dun sole stanco, pallido e svojato.

Er notizziario già lha sentenziato:

comincia un antro giorno de dolore.

 

«Invocamo Gesù, nostro signore»

esorta don Colombo dar sagrato.

«Ora prenobbi» canta, disperato,

un coro assente. Tanta gente mòre.

 

La vita muta maschera, saffanna

e quarchiduno penza a sto contaggio

che in fonno appare come na condanna.

 

Ma ner framente sboccia primavera:

un fiore è la speranza e dà coraggio;

pe chi cià fede ancora nun è sera.

Aristide Bruni