Che grancio!

15
di Giuseppe Baracconi

P’un vicolo, vicino a casa mia,
ier sera pedinavo ’na picchietta
che, avvorta in d’uno scialle, via via
scappava avanti senza damme retta.

Io seguitavo a dì: – Che bella fija!
Che vitina che cià, si’ benedetta!
Quell’occhi proprio so’ ’na meravija:
è ’n zucchero, ’na gioia ’sta moretta! –

Quella me s’arivorta inviperita,
dicenno: – A casa te darò le gioie!
Sèguita co’ le donne a fà ’sta vita!

E appresso ’n accidente t’ha da coje,
brutt’infame che sei, facc’impunita! –
Arimasi de sale… Era mi’ moje!