Bella fiorara

164
di Nello Governatori

Bella fiorara mia, tresteverina,
quanno me fermo a rimirà la mostra
tra tanti fiori la bellezza vostra
troneggia come immaggine divina.

Ciavete la boccuccia corallina,
l’occhioni mori, un fascino che giostra
sur côre der criente, che se prostra
come ‘no schiavo verso la reggina.

Cor viso de ‘na fata incantatora,
bocca de baci ardenti, appassionati,
chiunque ve rimira s’innammora.

Mentre li fiori belli e profumati,
messi a confronto a voi, bellezza mora,
so’ come tanti selleri spigati.