Ar teatro Costanzi

49
di Alberto Bonacci

Che vôi vedé’! Figurete che ancora
io me ce sento er rosichino drento:
davanti a me ce stava ’na signora
cor un cappello ch’era un monumento.

Che vôi vedé’! Io stiedi pe’ tre ora
co’ la capoccia sempre in movimento:
a li cantanti, pe’ dinaccia nora,
nu’ je vedevo che la testa, a stento.

Io, pe’ la convenienza, feci mosca;
così pe’ ’sto preludio e ’st ’intermezzo
rivassimo ar finale de la Tosca.

Quanti accidenti v’ho mannato addosso:
signora mia, si ve ne pija mezzo
cascavio peggio de Cavaradosso!