Ar sor Saputo

17
di La sora Peppa

Er Trio Monnezza a noi, professionisti
der metro, della rima e der sonetto?
Nun so si stai parlanno pe dispetto
o ciai li vòti cranichi imprevisti.

Io, Iside e Zagaja semo artisti
in grado de fà un’opera de getto,
ner mentre, caro Peppe, ce scommetto
che ciai bollato come pori cristi.

Posso capì un momento de ruganza,
ma tu, si me permetti de parlanne,
ce n’hai da venne all’antri e te n’avanza.

Allora, fa’ er piacere, sor Saputo:
sta’ zitto! Che pe mettete in mutanne
ce impiego, tempo massimo, un menuto.