Ispirazzione

34

Doppo ch’er sole ha steso su le cime
de le montagne un buzzico de brace,
cala er silenzio e, immezzo a tanta pace,
puntuale ariva er tarlo che m’opprime:

l’ora sarebbe adatta a fà du’ rime,
ma più ce provo e meno so’ capace
e si l’urtima frase nu’ me piace
fenisco pe scassà puro le prime.

Così nun ce sta caso che l’imbrocchi
e le parole mie so’ sempre quelle:
bone sortanto come scarabbocchi.

Poi vedo Roma ingiojellata a festa,
sotto la luminaria de le stelle,
e un verzo già me frulla pe la testa.