Povero Checco

37
di Aldo Gnoli

Ha fatto bene d’ammazzà su’ moje
cor un’accetta e de tajalla a sbrani.
Tu me capischi be’, semo romani,
e s’uno mena indove coje coje.

Io farebbe lo stesso, oggi o domani
che la mia se levasse certe voje:
l’amazzerebbe co’ le propie mani;
amico mio: chi semina raccoje.

Sta scòrfena schifosa, st’inzolente
lo provocava tutto er giorno e ecco
che ha rimediato, brutta puzzolente.

Pensa che un giorno j’arrivò perfino,
pe fallo invelenì, povero Checco,
de mischiaje un po’ d’acqua drento ar vino!