Apologgia der sonetto

29
di Aldo Navarro

Sonetto mio, si ormai t’hanno schiaffato
drento a li vecchi libbri de soffitta
nun potevi accettalla, ’sta scunfitta,
e te sei giustamente vennicato.

Se’ escito de lassù risporverato
scotennote la porvere più fitta,
e invocanno li granni der passato
te sei rincorniciato in quella scritta

che fu de Dante, fu de Cavarcanti,
de Petrarca, Boccaccio e Guinizzelli
e nu’ sto a nominalli tutti quanti…

Pe’ aritornà frizzante, aggile, fresco
su quella scia che t’ha segnata er Belli
ner regno der dialetto romanesco.