Ar Metropolitano che nun legge

45
di Peppe er Greve

Si c’è chi se la fa ner pannolone
quello sei propio te, sor Saputello,
che speri, co du’ fronne de cervello,
de fà un poema indegno der Manzone.

È bello avé la giusta protezzione,
sentisse er nunpiussurtra è puro bello,
ma senza un bon riscontro a sostenello
se va a fenì più peggio d’un solone.

Che c’è? Te senti sbatte er trentadua
pe via de ’ste parole un po’ stantive?
Ciai tutte le raggione: so’ le tua!

Tra noi l’accostamento nun pò aregge
perché nun sai ’na regola: pe scrive
bisogna innanzitutto sapé legge.