Anima in pena

153
di Erevan

De me nun ciai bisogno e io ce credo,
anzi me sa che nun te frega gnente.
Questo è er concetto che me viè a la mente
quanno penzo ch’è un mese che ’n te vedo.

Dicevi: – So’ avvilita, ma nun cedo
e te resisterò continuamente. –
Mo te la sei svignata, finarmente;
perché l’hai fatto, manco te lo chiedo.

Pe’ accontentamme, come a un regazzino,
dicessi: – Te telefono, te scrivo… –
E in trenta giorni manco un bijettino.

L’azzione che m’hai fatta nun è bella
e specie poi così, senza un motivo…
Ma, pe’ fortuna mia, c’è tu’ sorella!