Amore bello

35
di Guido Lamberti

Amore bello, che me lusingate
e intanto soridete a questo e a quello;
amore bello, che me disprezzate
e me trattate come un giocherello;

amore bello, che me tajuzzate
er core a pezzettini cor cortello,
l’anima a lento foco m’abbruciate;
che siate benedetto, amore bello!

Voi séte la padrona, voi, voi sola,
e v’arigalo a voi tutta la vita,
senza un rimpianto, senza ’na parola…

E sempre ve dirà ’sto poveretto,
puro quanno pe’ lui sarà fenita:
– Amore bello, siate benedetto!