A Checco er Ghicio

32
di Giggi de Tormarancio

Eppuro, Checco, er Metropolitano,
te posso assicurà, m’è così caro,
benanche l’ho trattato da somaro
e da verzeggiatore frascatano,

che avello messo immezz’a ’sto baccano
m’ha procurato quer zocché d’amaro,
ar punto che pe mettece riparo
potrebbe, forze, strigneje la mano.

Potrebbe addimostraje che so’ bono
e, come Enrico ar forte de Canossa,
potrebbe, forze, chiedeje perdono.

Potrebbe… Ma so’ un fregno senza còre,
percui j’ammollo un’antra sfranta d’ossa
e seguito a giostrà da gradiatore.