Zero esistenze

106

Manco er tempo d’archivià le marce negazioniste varie che s’aripresenta a la Rai l’esternazione sorprendente de Alberto Zangrillo, medico e direttore de l’unità d’anestesia e rianimazione generale e cardio-toraco-vascolare ar San Raffaele de Milano: sentimio l’epidemiologi temé pe fine mese o all’incomincio de giugno ’n’ondata nova e chissà quanti posti de terapia intensiva da occupà; me viè sur serio da ride: in reartà er viruse dar punto de vista clinico nun esiste più. La sicurezza de l’ospite de la trasmissione de Lucia Annunziata pare assoluta: ce metto la firma; li tamponi fatti ne l’urtimi dieci giorni hanno ’na carica virale, dar punto de vista quantitativo, assolutamente infinitesimale appetto a queli fatti uno o du’ mesi fa; terorizzà er paese è quarche cosa de cui quachiduno cià da pijasse la responsabilità. Ma er ministro de la salute Roberto Speranza, ne l’istessa trasmissione, avverte che er rischio zero nun esiste e ce sarà ancora bisogno de comportamenti coretti.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: Alberto Zangrillo