Viva la radio

6

’Na risoluzione de l’Onu chiede a le parti in guera de impegnasse pe ’n tempo che duri a smette de sparasse addosso in Libia: er consijo de sicurezza approva li punti fissati a Berlino, indove s’era fatto caso a la pesante assenza de l’Usa, co quattordici voti favorevoli e l’astensione de la Russia, che è membro permanente der consijo e cià er potere de vietà assieme a Stati Uniti, Cina popolare, Gran Bretagna e Francia. Drent’er documento medemo se insiste sur rispetto de l’embargo su l’armi che è stato violato ’n sacco de vorte e su la posizione de nun impicciasse. Ne l’occasione er ministro Luigi Di Maio aveva escluso l’opzione militare perché a la crisi nun se pò arisponne co ’n’antra guera. L’Onu celebra la giornata mondiale de la radio arivata a la settima edizione: er segretario generale Antonio Guterres se scappella davanti ar potere de sto straordinario mezzo pe comunicà, che serve a promove la diversità e a costruì ’n monno più pacifico e unito.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: busto de Guglielmo Marconi