Varda si che raggione!

9
di Leo Alberini

– Si tu’ moje cià poca ducazzione,
te compatisco propio, fijo caro;
ma tu nun te fà vedé pecorone,
ché allora nun ce metti più ripparo.

Presempio, si vòi daje ’na lezzione
e nun passà da scemo e da scolaro,
ammolleje ’na vorta un cazzottone
da falla nera come un calamaro.

Si tu ciabbozzi, allora se’ infelice!
Si te fai mette come un santo ar muro,
quella te schiaffa puro ’na cornice!

– No no, sto sempre a casa. E in fonno è onesta.
– Bella raggione! La lumaca puro
sta sempre a casa e cià le corna in testa.