Un letterato asettico

36

– Pò darzi che so’ strano, ma sincero –
me disse co un’arietta strafottente.
– Nu’ leggo mai li scritti d’antre gente
in quantoché m’inquineno er penziero

pe via che ar giorno d’oggi pure un zero,
’no scribbacchino che nun vale gnente,
se crede d’esse un Pascoli vivente;
ma si me viè a faciolo lo fo nero.

Je dico, co ’na certa educazzione,
ch’è un ignorante, pezzo de somaro!
Nun penzi che ciò tutte le raggione?

– De certo inventerebbe ’na bucia,
si nun te spiattellassi in modo chiaro
che quer che penzo io so’ cazzi mia!