Un coco de cartello

49

Nun ha mai fatto manco un ovo tosto
e s’è convinto d’esse er Carnacina;
sta tutt’er giorno a sfornellà in cucina
tra cazzarole e tielle pe l’arosto.

Così m’ha detto: – Mo ch’è feragosto
te vojo fà un pranzetto da reggina,
tale da soddisfà, senza manfrina,
perfino er desiderio più ariposto.

Ciò l’arte culinaria in ne le vene,
percui potrebbe improvisà un locale
indove spenni poco e magni bene. –

Però quer «bene» m’ha scombussolata:
ho avuto un maremoto intestinale,
ma nu’ lo dico perché so’ educata.