Er nimmico è… Greve

47
di Iside Martufoni

Fra li tanti nimmichi che ce stanno
chi me procura strappi a le budella,
eppoi me fa venì la cacarella,
è Peppe er Greve, ossia Peppe er malanno.

Io nu’ lo so che cazzo va cercanno!
Pe me j’amanca più de ’na rotella,
visto che butta tutto in cojonella
ma co la cattiveria d’un tiranno.

Come se fa a chiamallo gran poeta
si drento er cranio for de dimenzioni
je cova un pidicello anarfabbeta?

Nun so come fenisce ’sta faccenna,
ma so che nun me chiamo Martufoni
si nu’ je faccio buttà via la penna.