Un bon consijo ar sor Babbuccio

27
di Peppe er Greve

Dato che quarchiduno ve l’ha detto,
e quarcun antro ve l’ha detto uguale,
nun è abbastato questo a favve male?
Er fonno schina nun ve s’è ristretto?

Che voi nun sete bono a fà un sonetto
e fate un’antra cosa è naturale,
ma nun potete rompe er genitale
a chi ve tratta, poi, da scolaretto.

De certo ciaverete in dotazzione
lo spirito, la rima e l’occhio svejo,
però ve fa difetto l’istruzzione.

Percui dateme retta… veramente:
lassate er fojo in bianco; è sempre mejo
de scrive tanto pe nu’ scrive gnente.