La bellezza der dialetto

32

Jersera m’hanno fatto un discorzetto
e t’assicuro senza ’na raggione.
Dice: – M’hai da scusà l’osservazzione,
ma tu te porti appresso un gran difetto.

Nun sei capace de parlà coretto
perché ricori sempre a l’espressione
da fregno senza un’ogna d’istruzzione;
è un male concentrato ner dialetto.

– Macché vòi cojonamme? Io so’ romano –
j’ho detto – e a chiacchierà nun ciò pretese:
m’abbasta de parlà cor còre immano.

A braterà «forbito» nun ciariesco
e invece de mannatte «a quer paese»
te dico «vaffanculo» in romanesco!