Tramonto capitolino

88
di Niccolò Magalotti

Tutti li giorni, all’ora der tramonto,
m’affaccio dar terazzo e vedo er sole
che va a morì ner mare.
Mette felicità
quell’arancio crepuscolare
che fa sognà
come abbità ne la mia città…
… Roma capoccia…
Me rimetto a studià,
sinnò ce sta mi’ madre che me scoccia.