Teheran nun perdona

46

La Palestina rivennica l’innipendenza sua ner caso d’annessione israeliana de territori cisgiordani; er primo ministro Mohammad Shtayyeh, da sempre sostenitore de la coesistenza ne l’area de du’ stati innipennenti, dice de no a l’offerte economiche che sorteno dar piano de la Casa Bianca de febbraro scorso: er tentativo d’estorsione nun ce porterà a mutà posizione in cammio de sordi; si risurtasse compromessa la possibilità de istituì ’no stato pe la Palestina se potrebbe discute puro er riconoscimento de Israele. Antre quistioni se agiteno ne l’istesso contesto geografico: viè confermata ne l’Iran la condanna a morte de Mahmoud Mousavi Majd che presto sarà impiccato: questa è l’intenzione dichiarata dar portavoce de la magistratura Gholamhossein Esmaili che in conferenza stampa ribadisce l’accuse de spionaggio pe conto de la Cia e der Mossad pe individuà e assassinà er generale Ghassem Soleimani.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: Mohammad Shtayyeh