Sussurri e grida

24
Nederland, Den Haag, 15-05-2019. Mark Rutte, Minister-president, minister van Algemene Zaken.

Nun è mai troppo tardi, ma ‘gni tanto s’esagera: l’Olanda pe la prima vorta ner dopoguera e solo a la vigilia der settantacinquesimo anniversario de la liberazione der famigerato campo de Auschwitz fatta da l’armata rossa se decide a fà ‘n pensiero a le vittime de l’olocausto; lo fa cor primo ministro Mark Rutte: mo che l’urtimi sopravvissuti so’ ancora vivi, presento oggi le scuse mie a nome der governo pe l’azione de l’autorità de quell’epoca. Li toni so’ autocritichi: le istituzioni nostre nun hanno agito pe tutelà la giustizia e la sicurezza; troppi funzionari aveveno eseguito l’ordini de chi occupava. Eppoi la botta finale: l’antisemitismo è sempre tra de noi e pe questo dovemo da riconosce quello ch’è successo a voce arta. La quistione de le scuse ufficiali era stata sollevata ner 2012 da quarche capoccia de la politica, ma lo stesso Rutte, che già comannava l’esecutivo, pensò de nun avecce sufficenti informazioni né un sostegno abbastanza largo.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: Mark Rutte