Sur colle Quirinale

90

Er giorno dopo che un governo giovane e rosa s’è sistemato in Finlandia, casca da noi un vecchio preconcetto: ’na donna sale a la presidenza de la corte costituzionale, la quinta carica de lo stato, dopo che la siconna a palazzo Madama era ita a ’n’antra donna: mai successo in diciassette legislature. La strada è spianata: prima Maria Elisabetta Alberti Casellati, mo Marta Cartabia; resterà in carica solo pe nove mesi, ma nun frega gnente a gnisuno, figuret’a lei, che dice: è come si se fusse sfasciato ’n vetro de cristallo, pe me è ’n onore oprì ’na strada; la presidente nova de la Finlandia ha detto che l’età e ’r sesso nun conteno più, forse in Italia conteno ancora pe ’n po’, ma spero che presto se possi dì che nun conteno più. A la camera de li deputati s’aricordeno du’ fatti uguali e du’ primati ne la storia de l’età repubbricana: Nilde Jotti  p’esse rimasta ne la carica pe più tempo de tutti e Irene Pivetti p’esse stata la più giovane a ricoprilla. Resteno palazzo Chigi e ’r Quirinale, ma nun se dovrebbe d’aspettà più de tanto.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: Marta Cartabia