Stato d’allerta

6

Oramai stamo ar punto de li bollettini de guera: è lanciata a Tripoli l’operazione Vurcano de rabbia, che farebbe comodo a le forze de Khalifa Haftar p’arisponne ar bombardamento che li turchi hanno fatto de prima matina sur collegio militare de la capitale libica ammazzanno decine de persone. Poco prima era stata diffusa la notizia de du’ attacchi separati ma fatti assieme contro la base aerea irachena de Balad e la zona verde de Bagdad indove ce sta l’ambasciata de li Stati Uniti d’America, inzin’a quer momento considerata più che sicura. Er ministro italiano de la difesa Lorenzo Guerini conferma le missioni programmate, ma pe nu’ sbajasse decide de smette d’addestrà le forze irachene e de limità l’uscite da le basi, considerata la situazione de tensione che richiede de rafforzà sto tipo de misure. Er ministro de l’affari esteri Luigi Di Maio chiede a l’Europa de parlà co ‘na voce sola e s’associa all’arto rappresentante Josep Borrell mentre che lancia ‘n appello a la moderazione.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: Lorenzo Guerini