Sfojanno Trilussa

142

Me credevo d’esse boccio, ma nun avevo conosciuto chi cià ’na carettata d’anni più de me. Come chi? Ma la biblioteca Angelica a Sant’Agostino, che me sa che la chiameno cusì perché sta a ’n passo dar paradiso! Scaffali de libbri; banchetti pe legge; un bendiddio de luci! ’No scialo! Ma oggi la biblioteca pareva guasi ’na fanella. Sì: propio ’na fanella da riccontaje le favolette pe falla addormì. E le favolette je l’ha sussurate Trilussa, pe bocca de Gemma Costa e Luca Giacomini. La regia de Andrea Aureli e le letture de Claudio Costa hanno ’ngabbiato li spettatori in un monno fatto de orchi, de maghi, de lupi, de sorci, de leoni… Ahò! E tutti che parlaveno romano! Sì, puro le bestie! Er presentatore, Pietro Petteruti, nun sapeva più distingue ’na scopa pe pulì da quella de ’na strega! Tanto era forte l’emozione, co l’apprausi a rotta de collo. Un’ora e passa de versi, quelli de le povesie e quelli de l’animali. E tutto sotto la luce de ’na luna ammusonita che faceva capoccella, ’na nuvola sì e ’na nuvola no, mentre tornamio a casa aripenzanno a la «Porchetta bianca». A Terè, che c’è pe cena?

Massimo Moraldi

Ne la foto: Luca Giacomini, Gemma e Claudio Costa