Se guarda per aria

78

L’asteroide che sta a passà vicino a la tera, aspettato in particolare ne la notte tra er 28 e er 29 d’aprile, seguita a camminà inzin’a quanno ariverà a ’na distanza de poco più de sei mijoni de chilometri, valutata sicura perché compresa tra li sette mijoni e mezzo pe li corpi celesti che cianno un diametro più longo de centoquaranta metri. L’occasione se ripeterà tra ’na sessantina d’anni e puro pe questo è preziosa pe l’appassionati: j’abbasterà ’n binocolo bono pe sgamà er sasso cosmico guardanno verso la costellazione de l’Idra, già conosciuta a li tempi de Tolomeo, a sudde de quela der Leone; l’orario consijato è tra le nove e mezza e le dieci de sera. Gianluca Masi, responsabile der Virtual Telescope, dà spiegazioni ampie: un insieme de strumenti, da queli ottichi a li ràdare, permette de scoprì compretamente le propietà fisiche de l’oggetto: quant’è grosso, periodo de rotazione, percentuale de luce riflessa dar sole, più presenza eventuale de satelliti.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: Gianluca Masi