Ricordateve chi sete

15
di Rugantino

Nun è pe criticavve, sia ben chiaro,
ma dato che ciò un tanto d’esperienza,
quanno che vedo scritta ’na scemenza,
l’attribbuisco all’estro der somaro.

Tra voi ce sta deppiù d’un pecoraro
che appena sottoscrive quer che penza
nun fa che sconfinà nell’indecenza,
ner mentre che la musa ignotte amaro.

Eppoi, aggredivve tra de voi, me pare
nun sia l’attività che ve compete,
più adatta a un’assemblea de lavannare.

Voi sete gradiatori, si nu’ sbajo;
e allora ricordateve chi sete:
nun certo li guardiani d’un serajo!