Quanno me svejo

25
di Veronica Cardiale

Quanno sona la sveja,
me tocca arzamme pe forza.
Er sonno me se magna!
Me schiaffo de corza
ar bagno a lavamme er viso
pe capicce quarche cosa.
Faccio colazzione
co un bicchier de latte
e du’ cereali
pe riempimme lo stommico.
Poi me vado a vestì:
me metto li carzoni e ’na majetta,
doppo m’infilo le scarpe e così
so’ pronta pe sortì
co lo zaino pieno
de libbri su le spalle.
Me diriggo verzo la maghina,
indò mi’ madre m’aspetta
pe accompagnamme a scola.
Er bello è che domani
e tanti domani ancora
sarà sempre così.