Prego, entrate, sor Zagaja

43
di Medardo de la Rocca

Ma certo che se pò. Ve prego, entrate!
Sete er Zagaja? Embè, tanto piacere.
Sete un poeta oppuro un dispenziere
de verzi cionchi da pijà a torzate?

Qui ne l’arena so’ mazzaroccate
e nun se guarda tanto a le magnere,
datosi che nisuno è cavaliere
e ognuno mena a son de cafonate.

Volete dà du’ botte? È un bell’azzardo
perché ce pò scappà la controrima
dettata da l’istinto più bastardo.

Comunque, senza fà tanti sermoni,
volete conquistavve un po’ de stima?
Scrivete e nu’ rompete li cojoni!