Un pittore pe’ strada

55
di Amilcare Pettinelli

Chi se n’annava più? Quell’acquarello
sur cavalletto e in mezzo ar marciapiede
nun me sazziavo mai de stallo a vede,
m’aribbambiva lì, senza volello.

E quer pittore, a sede a ’no sgabello,
lavorava cor còre e co’ la fede;
fissava spesso er cèlo, come a chiede
all’arte d’appuntasse sur pennello.

Barcaccia, fiori, palme, scalinate,
nuvole, er sole prima che tramonti,
chiesa, obbelisco, cuppole indorate,

tutto, co’ que’la mano affatturata!
Quanno annò via, la Trinità de’ Monti
pareva se la fosse impacchettata.