Poste ner mirino

18

S’avvicina l’appuntamento elettorale ne li Stati Uniti e er confronto tra li du’ avversari a la presidenza se fa più forte co asprezza crescente. Ner mirino de Donald Trump, che s’era spinto a accennà a la possibilità impensabile de ’n rinvio der voto, aritorna a cascà er sistema postale: data la quantità de schede nun richieste ma inviate st’anno er risurtato nun sarà mai determinato in modo accurato; li stati ciavrebbeno da smettela e da chiede piuttosto a la gente d’annà a le urne. Da noi er problema nun s’è mai posto: l’italiani che vivono stabirmente o puro pe quarche tempo all’estero ponno votà p’er referendum come stabilito da la legge Tremaglia addopranno l’apposito plico inviato co la busta preaffrancata in modo da assicurà un servizio assolutamente aggràtise. Er termine pe la consegna ar consolato de la scheda votata è scaduto alle quattro de sera der posto der 15 settembre co lo scopo de permette lo spojo in contemporanea co quelo che se fa in patria.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: Mirko Tremaglia