Partite in corso

20

Seguita er braccio de fero tra l’Unione europea e la Gran Bretagna. Er primo ministro Boris Johnson, chiaramente ringalluzzito dopo l’esperienza der ricovero in ospedale, mette in mora li paesi der continente: un accordo ha da esse raggiunto entro er consijo der 15 ottobre, si ha da esse appricato ne l’anno corente; si nun s’ariverà a ’na soluzione entro quela data, nun ce sarà ’n accordo p’er commercio libero e tutt’e dua ne dovressimo pijà atto e annà avanti. Li toni nun so’ quelli der gruppo de Visegrad, ma la sostanza è durissima: er Regno Unito nun cià manco l’intenzione de fà l’inciuci su li principi fonnamentali de quello che significa esse ’n paese innipennente. L’arto rappresentante Josep Borrell è impegnato su antri fronti, a incomincià da li sviluppi de l’infocata situazione bielorussa: l’urtimo episodio corpisce l’oppositrice Maria Kolensnikova, capo de la campagna elettorale der cannidato escluso Viktor Babanko, caricata su un minibus verso ’na direzione sconosciuta.

Lillo S. Bruccoleri                 

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: Maria Kolensnikova