Parole pesanti

80

Er marmatrone internazionale arimane arto ’n se sa quanto e riguarda soprattutto l’Iran e li Stati Uniti, che se scambieno accuse e minacce. Er capoccia de l’unità aerospaziali de li pasdaran Amir Ali Hajzadeh arza er tiro: solo si l’americani so’ cacciati via da la regione se pò considerà vennicato l’assassinio de Qassem Soleimani; nun abbasterebbe corpì tutte le basi Usa o ammazzà Trump o er ministro de la difesa suo. Er segretario der consijo pe indicà le scerte Mohsen Rezai va ortre: si li Usa attaccheranno ’n’antra vorta, Teheran cancellerà Israele da le carte geografiche. La replica de la Casa Bianca nun se fa aspettà: a loro è permesso ammazzà, torturà e mutilà la gente nostra e a noi nun è permesso da toccà li siti curturali loro? None! Cusì nun va bene. Li ministri de l’affari esteri europei se riuniranno venerdì a Bruxelles pe discute de Iran e de Libia; Luigi Di Maio anticipa che è arivato er momento da scommette sur dialogo, su la diplomazia e su le soluzioni politiche.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: Nella foto: Mohsen Rezai