Parole grosse

16

Corpo de stato militare ner Mali: er presidente Ibrahim Boubacar Keita e er primo ministro Boubou Cisse so’ arestati e portati drent’a ’na base militare a pochi chilometri da la capitale Bamako. Da l’Eliseo Emmanuel Macron consurta quarche omologo africano suo, da la Farnesina la vice ministra Emanuela Del Re manifesta preoccupazione granne, l’Unione africana esorta li sordati a rientrà subito ne le caserme e pe quela europea Josep Borrell rifiuta ogni cambiamento incostituzionale; er segretario generale de l’Onu, a la fine de ’na riunione d’emergenza der consijo de sicurezza, chiede er rilascio immediato e incondizionato de l’esponenti de vertice maliani. Ner discorso trasmesso de seguito da la televisione nazionale lo stesso Keita annuncia la fine: aringrazianno er popolo p’er calore de l’affetto suo in de st’anni lunghi, vojo informavve de la decisione de lassà le funzioni mie co lo sciojmento conseguente de l’assemblea nazionale e der governo.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: Ibrahim Boubacar Keita