Nun solo virus

60

Casca er ventisette de febbraro la giornata monniale de l’orso polare (international polar bear day): l’ursus maritimus, cusì chiamato ner linguaggio scentifico, è er re de l’Artico e lo conoscheno tutti. Peccato che sta a rischio da sparì de pari passo cor riscardamento globale che ha portato la fusione de li ghiacci in quela zona de la tera. Er Wwf lancia l’allarme e spiega che pe fà sopravvive sta spece maestosa e tutte l’antre che vivono drento l’istessi teritori, spece a cavallo tra Canada e Groenlandia, bigna prima de tutto lottà contro li cammiamenti der clima. So’ questi che stann’a provocà ’n’invasione de cavallette in parecchie larghe zone dell’Africa e dell’Asia: la devastazione de li raccorti cià conseguenze su la grave mancanza de roba da magnà. Er capo umanitario de l’Onu Mark Lowrock denuncia er fenomeno: potrebb’esse la piaga più devastante de le locuste mai avvenuta si nun affrontamo er probrema er più de prescia che se pò fà ne sto momento.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: un orso polare