Nun c’è trippa pe gatti

61
di Iside Martufoni

Benanche, Masteghì, tu sia discreto,
adesso stai a sortì dar seminato.
Tufello è così scemo e sganganato
che nu’ je toccherebbe mezzo deto.

Percui te chiedo d’esse più concreto,
sinnò te fionno un vammoriammazzato
a te e quell’ignorante marcreato
che nun conosce manco l’arfabbeto.

Sull’isola co me? Lui se la sogna!
E me vò fà capace che ce sputa:
annasse a un antro sito a cercà rogna!

Io faccio ancora breccia su ogni còre:
so scrive, so’ piacente e benvoluta
e in ogni pizzo ciò un ammiratore.