’Na visita de corza

56

Er presidente nominato de l’Argentina, Javier Milei, è ’rivato oggi in de li Stati Uniti pe ’na visita fatta de corza e co l’appuntamenti fitti fitti, quelli privati e le riunioni de lavoro che s’hanno da fà pe forza datosi che er 10 dicembre diventerà presidente davero. A New York Milei l’aspetteno perché cià da visità la tomba der rabbino ucraino, poi fatto puro statunitense, Menachem Mendel Schneerson, uno che penza e che se fa sentì, conosciuto come er rabbino de Lubavitch. Un appuntamento che Milei ha voluto organizzà p’«aringrazià» er rabbino pe come j’ha ispirato l’idea d’annà a fà er presidente. Le cose da fà come presidente nominato saranno invece tutte a Washington: Milei sarà a la Casa Bianca pe vedesse co Juan Gonzalez, consijere pe la sicurezza nazionale su l’America Latina (pe la manfrina der protocollo nun potrà vedesse cor presidente de li Stati Uniti, Joe Biden). Dicheno puro che cià da fà l’antre riunioni ar dipartimento de stato, a la segreteria der tesoro e ar Fonno monetario internazionale (Fmi). Milei, che ciavrebbe da rientrà a casa sua martedì, aveva promesso che sarebbe ito in Usa e in Israele prima de mettese a sede a fà er presidente.

Massimo Moraldi

(fonte: Nova News)

Ne la foto: Buenos Aires, la Casa Rosada