’Na smicciata ar celo

145

Luna gajarda in de la notte: è la prima de le quattro previste pe st’anno e quella che sbrilluccica de meno cor sei per cento d’aumento de la grannezza che se pò vede. Er fenomeno, che fa d’accompagnamento a quello all’incontrario de gennaro de la luna velata, è provocato dar perigeo che mostra la minima distanza da la tera der satellite suo naturale. L’appuntamenti prossimi cascheno ’na vorta ar mese e saranno a marzo, aprile e maggio; er primato der congedo sarà propio a maggio, quanno che la luna piena potrà esse più luminosa tra er dieci e ’r quinnici per cento e potrà paré più grossa d’armanco er sei per cento appetto a quella normale. L’astrofisico Gianluca Masi, responsabile der Virtual telescope projet, avverte che ’ste diferenze so’ difficili da acchiappà da ’n occhio esperto, ma danno comunque modo d’ammirà er celo. Le stelle canore scegneno sur parco de l’Ariston e ’r settantesimo festival fenisce co la vittoria der cantautore Antonio Diodato, conosciuto cor cognome e abbasta.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: Diodato tra Fiorello e Amadeus