’Na corsa bagnata

17

Piove a Londra durante la maratona che pe sto motivo viè rallentata ner tratto de du’ chilometri ripetuti diciannove vorte in un circuito drento St James’s Park prima der traguardo su The Mail davanti a Buckingham Palace. Li piazzamenti so’ appannaggio de l’africani, ma c’è ’na novità: a du’ giri da la fine perde tereno, tradito a quanto pare da le scarpe, er keniota Eliud Kipchoge, detentore der primato mondiale e dato pe favorito a la vigija, che scivola a l’ottavo posto. Er campione prova a giustificasse: nun so che m’è successo, me s’è attappato ’n orecchio, ho sentito li crampi ar femore e a la gamba e poi faceva parecchio freddo. Gnente de tutto questo pe l’etiope Shura Kilata, che se becca la quarantesima edizione de la corsa a lo sprint ner tramente che supera pe puzza er connazionale Vincent Kipchumba e l’antro keniota Kenenisa Bekele. La classifica generale terà conto de le mijara de coridori in remoto impegnati fino a la mezzanotte in percorsi come je pare a loro.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi

Ne la foto: maratoneti vincitori a Londra