‘N accordo compricato

46

Ottanta pagine, mica una, pe ‘na lotta che dura da più de settant’anni: er piano der secolo pe stabilizzà er Medioriente è presentato a Washington da Donald Trump ne la conferenza stampa cor primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu, che fa notà che la pace nun cià gnent’a che vede co la politica. Se propone ‘na via diplomatica ‘ndove la cosa più significativa è la costituzione de ‘no stato sovrano palestinese co ‘n investimento de cinquanta mijardi de dollari. Le prime reazioni so’ contrarie, a giudicà da le parole de Mahmoud Abbas, presidente de l’autorità nazionale palestinese: Gerusalemme nun se venne, er popolo nostro butterà ne la monnezza de la storia er piano Trump, nun se mettemo a ginocchioni e nun ciarrenneremo. Prudenti le posizioni de l’Europa: a parte er consenso britannico, l’arto rappresentante pe l’affari esteri Josep Borrell ariconosce che l’iniziativa è l’occasione pe rilancià li sforzi pe ‘na soluzione a la volemose bene che se possi praticà e che assicuri ‘na pace che dura.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

 

Ne la foto: Benjamin Netanyahu e Donald Trump