Memorie sottotera

73

S’aritorna a parlà de Romolo nun tanto pe la figura nota e stranota, ma pe ’na scoperta sensazionale drent’ar foro romano indove s’è trovato ’n ambiente sottotera co ’n sarcofago in tufo longo un metro e mezzo. Er posto e la datazione de l’oggetto hanno fatto pensà a identificallo come la possibile tomba der fonnatore de l’urbe, tenuto pure conto de ’na tradizione convalidata da la letteratura. S’avvicineno a la fine l’opere pe la sicurezza de l’area nun scavata de Pompei, indove er piano straordinario de conservazione de le strutture archeologiche s’è diviso in settantacinque interventi, e pe cinque de questi stanno già a fà er collaudo. Se segnala pure la scoperta de du’ case nove co affreschi suggestivi, mosaici e reperti. Er direttore der parco archeologico Massimo Osanna, passate l’emergenze, annuncia antre importanti sfide pe la tutela, la conoscenza e la valorizzazione de li scavi e der teritorio.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: er possibile seporcro de Romolo