Mejo a casa

75

Un Boris Johnson compassato e co li capelli guasi a posto se presenta a li concittadini co l’intenzione de trasmette ’na sensazione de carma e sicurezza. Li toni so’ rassicuranti: è ’n dato de fatto che co l’adottà le misure de confinamento avemo evitato a sto paese d’esse inghiottito da quela ch’avrebbe potuto da esse ’na catastrofe; nun torneremo a st’inferno, er Regno unito sarà più dinamico e più generoso; dovressivo da stà in campana, lavorà a casa si potete, evità li trasporti pubbrichi si se pò. Ma l’opposizione laburista e li capoccia de le regioni autonome cianno paura de ’n’antra mossa farsa de ’n esecutivo che dava poca importanza a le cose prima de l’inversione de rotta; la premier scozzese Nicola Sturgeon chiede direttamente a la gente de stà a casa e su la stessa posizione se metteno li governi locali der Galles e de l’Irlanda der norde. In Giappone invece, su la scorta de ’na tendenza incoraggiante, er ministro Yasutoshi Nishimura preannuncia la fine de lo stato d’emergenza.

Lillo S. Bruccoleri

(Traduzione di Massimo Moraldi)

Ne la foto: Nicola Sturgeon