Medardo cià bisogno de riposo

30
di Peppe er Greve

Me sa che a te te rode er fonno schina
e tenghi er capomazzo che se sdegna,
quanno te sorte quela sbobba indegna
che vòi spaccià pe brodo de gallina.

Tanta zavora in giro è ’na ruvina
pe chi passa li stimmoli in rassegna,
ne la ricerca d’una voce indegna,
’na voce forte, calla, cristallina.

Tu che conoschi er genio der somaro
sai bene che pe scrive le fregnacce
nun c’è nisuno che te pò stà ar paro.

Fra de nojantri dua chi è più snmanioso
me pari te, cazzacio, devi stacce.
Sei troppo stanco: mettete a riposo!