Ma come te permetti

15
di La sora Peppa

Vecchietta a me? Te possinammazzatte!
Ma come te permetti? Oh, quest’è bella!
Me sento un torcimento de budella
unito a ’na gran voja de menatte.

Ar tempo ch’ero balia ho dato er latte
a tanti pupi de la Garbatella
e manco l’accostavo a la mammella
tiraveno a succhià come mignatte.

Tu eri allora un regazzino in fasce
o, addirittura, è forze più coretto
si dico che dovevi ancora nasce.

Percui, Giggetto mio, schiaffete in mente:
ner caso m’amancassi de rispetto,
te merco co ’no sfreggio permanente.