L’onore

132
RUGANTINO n. 12873 del 25 gennaio 2011
di Ala

Si tu, presempio, vôi parlà d’onore,
de ’sta bella virtù, ’sto sacro preggio,
rifretti bene prima de discore,
perché sinnò commetti un sacrileggio.

Sippuro un ômo fosse un marfattore,
un delinguente, un ladro e pure peggio,
quanno se veste come un gran signore
pe’ chi nun lo conosce è un ômo egreggio.

Se copre le magagne e, più o meno,
lui se fa strada e va senza fatica.
Ma pe’ la donna nun è così mica!

L’onore de’ la donna è com’er treno:
quanno lo perde, sai che je succede?
Spesso deve restà sur marciapiede.